Back to Top

... doniamo la speranza di ricominciare ...

Nella foto 4 si riconoscono Rita Pennacchio e l’attuale Direttrice della Cité Suor Drocella, delle Sorelle della Speranza di Maria, una Congregazione nata in Ruanda 60 anni fa circa, nell’occasione della posa della prima pietra del nuovo dormitorio progettato per accogliere nuovi piccoli ospiti.

Nella foto 2 l’Ing. Jorge della VIS Foundation che ha controllato lo stato dell’impianto idraulico e suggerito importanti miglioramenti. S.E. Mons. Smaragde Mbonyintege, Presidente della Conferenza Episcopale Ruandese, esamina il progetto del dormitorio (foto 1). Infi ne, alcuni dei ragazzi più grandi aiutano con la coltivazione dei campi (foto 3).

Infatti, alcuni dei prodotti che arrivano sulla tavola della sala mensa della Cité, come patate, riso e simili, sono coltivati da loro.

"Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! Alla sua salvatrice potestà aprite i confini degli Stati, i sistemi economici come quelli politici, i vasti campi di cultura, di civiltà, di sviluppo. Non abbiate paura! Cristo sa cosa è dentro l'uomo. Solo lui lo sa!". Sono le parole con cui il 22 ottobre 1978 Karol Wojtyla inaugurava il suo pontificato.

 

Il 18 maggio di quest'anno ricorre il Centenario della nascita di san Giovanni Paolo il che tanto volle la Cité des Jeunes Nazareth per ospitare gli orfani del terribile genocidio del 1999. Una rappresentanza di questi ultimi fece visita al Santo Padre il 2 luglio 2003 (Foto 2), accompagnati da S.E. Mons. Salvatore Pennacchio, allora Nunzio Apostolico in Ruanda. Il nostro Fondatore è con il nostro amato e compianto primo Presidente, don Tommaso Cuciniello, e con il fraterno amico don Peppino Cartesio (foto 1). Infine, la prima Direttrice della Cité, Suor Apollonie (foto 3)

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Info Cookies