Back to Top

... doniamo la speranza di ricominciare ...

Il Papa all’associazione «Nolite Timere»

Dando speranza ai bambini del Rwanda dopo il terribile genocidio

Donare la speranza di ricominciare ai «numerosi orfani provocati dal terribile genocidio che si scatenò in Rwanda nel 1994». Questa la missione dell’associazione «Nolite Timere» i cui membri Papa Francesco ha ricevuto stamane, sabato 27 gennaio, nella Sala Clementina, in occasione del venticinquesimo anniversario di fondazione. Ecco il saluto rivolto loro dal Pontefice.

Cari fratelli e sorelle, buongiorno! Saluto voi tutti che da Giugliano e da altre località siete giunti di buon mattino in Vaticano per questo incontro. Sono venuto a sapere che c’è stato un incidente e che ancora devono arrivare due bus: salutateli da parte mia. Vi do il benvenuto nel venticinquesimo anniversario di fondazione della vostra Associazione, nata a beneficio dei bambini della Cité des Jeunes Nazareth a Mbare, in Rwanda, per iniziativa di S.E. Monsignor Salvatore Pennacchio — ne fai di cose tu! —, allora Nunzio Apostolico in quel Paese, e del compianto Parroco don Tommaso Cuciniello.

Fu San Giovanni Paolo II a patrocinare questa iniziativa, a favore dei numerosi orfani provocati dal terribile genocidio che si scatenò in Rwanda nel 1994. Ah quel genocidio! Era terribile, terribile. Non bi sogna dimenticarlo mai, per non ricadere.

Il vostro slogan dice: «Doniamo la speranza di ricominciare!». Ricominciare. È molto bello, ed è bello che l’abbiate vissuto in modo concreto, accogliendo alla Cité centinaia di bambini e, con l’adozione a distanza, provvedendo i mezzi per il loro sostentamento e per la loro formazione scolastica e religiosa. In proposito, un grazie va anche alla Congregazione delle Suore Bize ramariya e ai Sacerdoti della Diocesi di Kabgayi, al cui Ve scovo rivolgo il mio saluto.

Udienza Speciale

In occasione del 25° Anniversario della nascita dell’Associazione Nolite Timere Onlus e della Cité des Jeunes Nazareth siamo lieti di invitarvi:

all’Udienza speciale con Papa Francesco e alla visita alle Tombe di San Pietro e San Giovanni Paolo II 

Sabato  27 gennaio 2024.

 

Costo del pellegrinaggio in autobus €25


Per info e prenotazioni: 338.48.54.958
(Prenotazioni entro il 28 dicembre)

Le quote di adesione dovranno essere inviate a mezzo bonifico:


Banca Intesa San Paolo IBAN IT66Y0306909606100000109424

Dicembre 2023

I nostri eventi di beneficenza nascono per raccogliere fondi per sostenere la Cité des Jeunes Nazareth. Donare significa offrire qualcosa che esprime il nostro amore incondizionato verso qualcuno.
Non è un atto dovuto, bensì totalmente spontaneo, disinteressato e inaspettato! Donare significa dare senza attendersi nulla in cambio. Albert Einstein diceva che “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere”. Ad oggi ho fatto due missioni in Ruanda e ho potuto vedere con i miei occhi quanto il villaggio sia cambiato negli anni: più aule scolastiche, più dormitori, più campi sportivi e una sala ricreativa più grande. E questo grazie alla grande generosità dei nostri sostenitori e benefattori. Persone che hanno donato senza voler ricevere nulla in cambio. Un gesto grandissimo! “Non posso darti soluzioni per tutti i problemi della vita, Non ho risposte per i tuoi dubbi o timori, però posso ascoltarli e dividerli con te”.
(Jorge Luis Borges)

Teresa Caterino, volontaria

Novembre 2023

Lunedi 5 settembre 2022, S.Em. Cardinale Antoine KAMBANDA, Arcivescovo di Kigali, ha incontrato il Presidente e i Membri del Consiglio Direttivo della Nolite Timere, nella sede dell’Associazione in Giugliano.

La visita inaspettata del Card. Antoine è stata un segno di apprezzamento e di incoraggiamento verso l’opera che sta portando avanti la Nolite Timere per assistere i bambini della Cité di Nazareth. L’8 settembre 1990 fu ordinato sacerdote a Kabgayi, dove oggi sorge la Cité, da Papa Giovanni Paolo II. Nominato Vescovo di Kibungu nel 2013 e, successivamente, Arcivescovo di Kigali nel 2018, Papa Francesco lo ha annoverato nel Collegio dei Cardinali nel Concistoro 2020. Sua Eminenza Antoine ha un profondo legame con l’Italia. Mantiene contatti con la nostra Associazione in quanto, nella sua veste  di Arcivescovo di Kigali, fa parte del Consiglio Amministrativo della Cité di Nazareth.

Pagina 1 di 8

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Info Cookies